Notizie

Monte dell’isola di creta: quando visitarlo, come arrivare e curiosità sull’Ida

Monte ida

L’isola di Creta ogni anno è visitata da milioni di turisti ed è la più vasta e popolosa tra le oasi greche. Creta è apprezzata per le spiagge argentee e il mare azzurro, ma le persone sono attirate in particolar modo dal Monte Ida, alto ben 2.456 metri.

Mitologia e curiosità sul Monte Ida

Il nome greco del Monte Ida è Psiloritis e separa le acque a nord di Creta da quelle che si trovano a Sud. Nell’Antica Grecia in Monte Ida era considerato sacro e secondo la mitologia, in esso risiedeva Rea, la titanica consorte di Crono e genitrice dei primi Dei dell’Olimpo, uno dei quali era proprio Zeus.

I turisti che visitano il Monte Ida hanno la possibilità di recarsi presso l’incantevole grotta che vi giace affianco, anch’essa ammantata dalla mitologia ellenica. La leggenda narra infatti che Rea usò proprio questa grotta per nascondere il figlio Zeus e farlo crescere lontano dal padre, il quale pare tendesse a cibarsi della sua prole. Fu grazie a questo escamotage che Zeus scampò a morte certa crescendo grazie all’allattamento di una capra di nome Amaltea.

Una volta diventato adulto, il futuro re dell’Olimpo prese la decisione di sfidare Crono il quale, battuto, vomitò tutti i figli trangugiati fino ad allora.
Sulla vetta del Monte Ida è collocato un edificio sacro interamente realizzato in pietra e usato come luogo di culto per i fedeli e talvolta, come bivacco d’emergenza.

Come arrivare al Monte Ida e quando visitarlo

Gli amanti della mitologia greca ed escursionisti e turisti in generale scelgono di visitare il Monte Ida scalandolo fino ad arrivare in vetta, cogliendo l’opportunità per ammirarne i dettagli e al tempo stesso, scoprendone la storia. Si tratta di una scalata piuttosto lunga ma accessibile a alla maggior parte delle persone in quanto non presenta particolari difficoltà. Per salire e poi riscendere dal monte sono necessarie sette ore e oltre a una buona dose di volontà, passione e curiosità, sono sufficienti un paio di scarpe da trekking e abiti comodi.

Per scalare il monte si parte dalla Taverna di Nida Plateau: si tratta di un’area priva di servizi pubblici, pertanto per arrivarci è necessario possedere o noleggiare un’auto. La partenza avviene lungo un sentiero sterrato che prosegue diritto su un’area dorsale che porta direttamente alla suggestiva grotta dedicata proprio a Zeus e della quale abbiamo già parlato.
Una volta visitata la grotta, è possibile proseguire verso le grandi pianure distese sul Monte Ida: si tratta di posti davvero belli da visitare in quanto offrono panorami unici nel loro genere. Sulla vetta del monte è inoltre possibile ammirare l’affascinante cappella costruita in pietra e consacrata alla Santa Croce: i fedeli possono cogliere l’occasione per fermarsi all’interno della chiesetta e pregare ammirando le sacre icone, prima di avventurarsi nella lunga discesa e fare ritorno alla Taverna di Nida Plateau.

Quando visitare Creta e il Monte Ida

L’isola di Creta gode di un clima mediterraneo che garantisce inverni miti e piovosi ed estati calde e soleggiate. Da ottobre a marzo si verifica la concentrazione delle piogge, mentre in estate il fenomeno è quasi del tutto assente. Dall’inverno alla primavera si può assistere a intense nevicate, soprattutto all’altezza del Monte Ida che diventa uno spettacolo unico.    Nelle aree pianeggianti le lunghe estati rendono arido il paesaggio e in quelle più interne e verdi, dove sono presenti i vasti boschi, si può visitare anche il deserto roccioso del Lefka Ori, ovvero le Montagne Bianche.
Rispetto alle altre isole della Grecia, Creta a sud è molto più esposta a fredde ondate di vento e pioggia, con temperature che toccano lo zero. Al contrario, dal mese di maggio in poi il sole è quasi sempre assicurato e fino a settembre soffia il famoso vento Meltemi, il quale rende molto mosso il mare ma anche tollerabile il caldo estivo.

Il mare cretese si presta per piacevoli bagni da luglio a settembre e si rinfresca a giugno e ottobre. Il periodo migliore per visitare l’isola e fare una piacevole vacanza è da giugno sino a metà settembre. Avendo una felpa a portata di mano, tuttavia, ottobre è ancora un mese piacevole sebbene le giornate si accorcino notevolmente. Le escursioni, come quella che è possibile fare sul Monte Ida, sono particolarmente piacevoli durante le mezze stagioni, ad esempio, ad aprile e maggio e da metà settembre e fino a metà ottobre perché si evita l’eccessiva calura estiva. Il Monte Ida può essere percorso anche d’estate proprio per trovare refrigerio, sebbene sia meglio attrezzarsi per difendersi dal sole. La primavera è molto gradevole per fare lunghe camminate e visitare le rovine dell’Antica Grecia e ammirare la natura che fiorisce, sebbene sulle montagne sia ancora freddo.

Come ti ha fatto sentire?

Eccitato
0
Felice
0
Innamorato
0
Incerto
0
Sciocco
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in:Notizie