Notizie

Avviso bonario inps: cos’è, cosa significa e come arriva

Inps

Molte volte per via dei molteplici impegni è possibile che i possessori di partita iva, artigiani o commercianti, si dimentichino di pagare una o più rate contributive previste più volte nel corso dell’anno.

Per questo motivo l’Inps ha adottato un metodo di recupero crediti che permette di mettere a posto la propria posizione ancora prima che avvenga l’eventuale iscrizione a ruolo da parte dell’agenzia delle entrate con relativa consegna di cartelle esattoriali.

Questa possibilità è data dall’avviso bonario, una comunicazione preliminare che precede per l’appunto la cartella esattoriale. Durante la lettura di questo articolo si andranno ad approfondire i punti cruciali di questo metodo di sanatoria.

Che cosa è l’avviso bonario

Tutti coloro che svolgono un’attività commerciale sono tenuti obbligatoriamente, con cadenza trimestrale, a pagare la quota spettante ai contributi previdenziali. Se sfortunatamente una di queste scadenze non viene rispettata e tramite i controlli effettuati dagli uffici dell’Inps viene rilevata una incongruenza tra gli importi dovuti e quelli ricevuti, sarà compito dell’Agenzia delle Entrate iniziare la riscossione di tale cifra mediante l’invio delle tanto temute cartelle esattoriali.

Tuttavia, tra il mancato versamento trimestrale e la consegna delle cartelle esattoriali, vi è un passaggio intermedio al fine di permettere al diretto interessato di poter mettere a posto la propria situazione senza incombere nella burocrazia dell’agenzia delle entrate. L’Inps invia al contribuente un avviso bonario, ovvero una comunicazione contenente tutti gli importi dovuti, ma non ancora pagati.

Il diretto interessato avrà trenta giorni di tempo per regolarizzare la propria situazione nei confronti dell’Inps, se trascorso questo periodo mensile i pagamenti non saranno stati effettuati, verrà messa in allerta l’Agenzia delle Entrate che dopo l’iscrizione al ruolo del contribuente, inizierà il suo processo di riscossione mediante cartelle esattoriali.

Ricevere un avviso bonario sta a significare quindi che nei mesi precedenti sono venuti a mancare uno o più versamenti obbligatori previdenziali. Per questo motivo l’Inps dopo i controlli di routine invierà degli avvisi verso tutti coloro che si trovano in una posizione illecita al fine di recuperare le imposte non versate. Se le richieste verranno rispettate nell’arco del tempo prefissato, il contribuente riceverà uno sconto sulla multa, viceversa verrà iscritto a ruolo e l’agenzia delle entrate inizierà la riscossione coattiva.

Come arriva un avviso bonario

L’avviso bonario non viene più inviato tramite servizio postale, infatti da ormai parecchi anni ogni possessore di partita iva può controllare la propria situazione contributiva direttamente nel proprio profilo presente sul sito ufficiale dell’Inps.

Pertanto all’interno del proprio profilo, andando nella categoria dedicata chiamata Cassetto previdenziale artigiani e commercianti, sarà possibile trovare la sezione specifica per gli avvisi bonari. In tale sezione dunque sarà possibile osservare la totale situazione ai fini pensionistici del contribuente ed inoltre, sarà possibile ricevere tali comunicazioni anche all’interno delle caselle di posta elettronica fornita durante la registrazione al portale.

Cosa fare alla ricezione di un avviso bonario

In caso di ricezione di avviso bonario è importante sapere cosa dover fare ai fini di regolarizzare la propria situazione celermente e come poter effettuare i pagamenti. Il diretto interessato avrà un limite temporale massimo di trenta giorni, nella quale potrà scegliere tra diverse opzioni. Si potrà effettuare il versamento dell’intera somma dovuta utilizzando il modello F24 contenuto all’interno della comunicazione stessa.

Se invece si ritiene che la richiesta sia infondata oppure errata è possibile recarsi, previo appuntamento, agli uffici Inps e contestare tale comunicazione allegando la documentazione necessaria. Qualora, invece, il pagamento fosse stato già effettuato, sarà possibile comunicare tramite portale Inps l’avvenuto pagamento allegando le ricevute nella pagina del sito chiamata Sezione comunicazione bidirezionale nella sezione dedicata all’invio delle quietanze di versamento.

Infine è prevista anche la possibilità di richiedere la dilazione del pagamento dovuto attraverso rate mensili. Se al termine dei trenta giorni il contribuente non avrà eseguito alcuna operazione, l’Inps procederà alla riscossione forzata tramite cartella esattoriale. Inoltre è doveroso ricordare che ogni avvenuta comunicazione interrompe i termini di prescrizione. Il conteggio degli anni ricomincia da zero ogni qualvolta che il contribuente riceve una comunicazione ufficiale da parte dell’Inps.

In definitiva l’avviso bonario si può definire come un semplice sollecito di pagamento, una sorta di invito a chiarire entro trenta giorni dalla ricevuta comunicazione la propria posizione nei confronti dell’Inps, evitando in questo modo la consegna di cartelle esattoriali da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Come ti ha fatto sentire?

Eccitato
0
Felice
0
Innamorato
0
Incerto
0
Sciocco
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in:Notizie