Notizie

Muore nella Boheme: qual è la storia di Mimì? Che cosa rappresenta la sua morte?

La Boheme non è altro che un’opera di Giacomo Puccini rinomata per le sue composizioni immortali e per Boheme intendiamo tutti una semplice vita naturale senza opportune regole, è una delle opere di tipo minimaliste dove anche alle cose più piccole non è attribuito un nome.

Questo lo si può notare anche per lo spirito goliardico, dove sono presenti alcune scene dove differenti quattro amici scherzano tra di loro, si deridono, e amano divertirsi. Ma la pizza è essenziale di questo spirito goliardico non è altro che un mondo assai angoscioso dove anche nella vigilia di Natale si circola tra pranzi , balli e giochi punto La Boheme non è altro che un forte periodo di tipo Aureo dove ogni soggetto ama vivere e dove vive l’amicizia pura e dove l’amore è considerato incondizionato e il futuro della persona lo si vede troppo lontano.

La storia di Mimì nella rappresentazione della sua morte

Il simbolo imminente della Bohème, e Mimì considerata una povera sarta che viveva giorno per giorno applicandosi al suo lavoro in modo onesto e dove viveva la giornata a cucire fiori finti. Mimì era una donna che viveva per amare, E a differenza di Rodolfo lei non possedeva alcun amicizia, poiché esisteva lei insieme al suo uomo senza avere amici. È proprio nel momento in cui lui decide di lasciare la bella Mimì, lei decide di togliersi la vita. Una morte ingiusta dove lei era negli anni della giovinezza pura e quegli anni si concludono con tanto dolore. Anche Puccini con la morte di Mimì se angosciato fortemente all’anima poiché riesce ad afferrare che la giovane ha voluto morire presto, una vera morte che fa di un sogno una vera poesia. Questo si capisce da Mimì che era una bella e dolce ma anche tragica donna che ha vissuto pochi momenti belli, e forse quelli più belli sono stati quando ha ricevuto una bella cuffietta Rosa un bel manicotto che gli hanno consentito di scaldarsi le mani prima di arrivare alla sua morte. La scena della morte di Mimì agghiaccia un po’ tutti e trafigge ogni persona come una grande lama in cui resta il solo un suo cadavere con un paio di scarpe rosse con un tacco. Questa è la ghiacciante storia di una donna che viveva solo esclusivamente per il suo uomo e non ha mai potuto avere degli amici con cui manifestare le sue emozioni, i suoi piaceri, le sue sensazioni, ma nell’arco della vita ha sempre dovuto tener conto e rendere conto a un uomo Rodolfo che stava pure accanto a lei con amore e con disprezzo e non capendo con una mentalità chiusa che la donna non doveva essere solo legata a lui sentimentalmente ma doveva anche avere delle amicizie per far sì che il suo amore non fosse concentrato solo verso di lui. Quando lui un giorno decise di lasciarla, lei fa c’è una morte alquanto tragica poiché non aveva nessuno in grado di sostenerla, su portarla e soprattutto star lì accanto in un momento così delicato della sua vita, è la colpa la si da principalmente a Rodolfo che l’ha sempre tenuta allontano dalle sue amicizie non le ha mai consentito di essere libera a tal punto di stare bene veramente, anche perché lui possedeva tanti amici. La donna si è tanto umiliata da lasciarsi trarre da inganno più grande di lei, cioè la morte. L’uomo le ha completamente strappato la vita, e lei ha deciso di fare una morte che i suoi occhi poteva apparire tranquilla ma quella degli altri è stata una morte drastica nel vedere morire una bella fanciulla con i suoi bei tacchi Rosa e con lei stretto al suo seno un bel manicotto che gli scaldava le sue mani, forse è la cosa più bella è il regalo più bello che gli potesse capitare tanto che gli potesse stare vicino a lungo. Rodolfo senza pietà l’ha lasciata morire ma soprattutto l’ha lasciata la sua sorte senza provare emozione e sentimento nei suoi riguardi e lei che ha reagito con occhi ciechi e sinceri, togliendosi la vita e non capendo veramente era un dono del Signore.

Come ti ha fatto sentire?

Eccitato
0
Felice
0
Innamorato
0
Incerto
0
Sciocco
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in:Notizie