Salute e benessere

Pennichella pomeridiana: è salutare? Per quanto si deve dormire?

dormire

La pennichella ovvero il riposino pomeridiano viene considerato un toccasana per il nostro corpo se breve, in quanto sembra essere in grado di rilasciare possibili effetti benefici. Non tutti però, hanno la fortuna di potersi concedere una pennichella pomeridiana, e tante altre persone invece non riescono proprio a farne a meno.

Andiamo a vedere insieme quali sono i possibili benefici e quanto secondo gli esperti deve durare la pennichella per potere regalare al nostro cervello e corpo un po’ di relax.

Perché può essere importante il riposo pomeridiano?

Avere sonno dopo pranzo capita specialmente quando si mangiano pasti abbondanti. Tutto dipende dal carico glicemico, ovvero da cosa e da quanto si è mangiato. Consumare cibi in grandi quantità e ricchi di grassi provoca un aumento della glicemia a cui si associa anche l’insulina.

Oltre a fare aumentare di peso, a lungo andare, questo tipo di alimentazione porta ad avere stanchezza e senso di spossatezza in quanto richiede molte energie da parte del nostro organismo. E’ necessario quindi, consumare un pasto senza appesantire troppo l’apparato digerente.

Il riposo pomeridiano è considerato ottimo per rigenerare l’organismo dopo pranzo. Molte persone, dopo avere terminato il pasto, infatti sentono il bisogno di riposare, un modo perfetto per potere ricominciare la giornata che se fatto in modo corretto può dare possibili effetti benefici. Viceversa, se non si rispettano alcune regole potrebbe scompensare il metabolismo.

Gli esperti sono favorevoli alla pennichella pomeridiana, tanto da considerare non veritiere le affermazioni secondo cui dormire il pomeriggio faccia male, faccia ingrassare, venire il diabete o porti dei fastidiosi mal di testa. L’importante è sempre seguire delle piccole regole per potere affrontare al meglio il resto della giornata.

Tipologie di pennichella pomeridiana

Non esiste un solo tipo di pisolino pomeridiano ma in realtà, ne esistono tre tipologie diverse:

  • riposino di preparazione: molte persone prima di andare a dormire la sera, si addormentano sul divano. Questo tipo di riposo si chiama di preparazione proprio perché prepara alla dormita notturna;
  • pennichella di emergenza: quando si fa tardi la sera, molto spesso si accusa il giorno dopo una stanchezza cronica oppure la mattinata lavorativa è stata così stancante da avere prosciugato ogni energia dal nostro corpo. In questi casi, il riposino pomeridiano consentirà di ricaricare le energie prima di affrontare la seconda parte della giornata;
  • dormita abituale: questo tipo di pennichella è quella che ci si concede ogni giorno, sempre allo stesso orario. E’ un’abitudine molto diffusa tra gli anziani, che sono spesso abituati a riposare dopo pranzo.

Quanto deve durare una pennichella?

La pennichella pomeridiana deve avere una durata precisa. Al nostro cervello bastano appena 6 minuti per recuperare le sue energie ed è consigliato non superare la mezz’ora di riposo. Dormire più di 30 minuti durante il giorno, secondo gli esperti potrebbe non avere degli effetti benefici.

Così facendo si entra nella seconda fase del sonno e in questo modo, il risveglio risulta non solo più difficile ma si può rischiare di pregiudicare il sonno notturno, andando incontro alla possibilità di sviluppare insonnie o di danneggiare il proprio metabolismo.

Quindi, è bene prima di riposare dopo pranzo ricordare di mettere sempre la sveglia dopo 30 minuti, altrimenti tutti i possibili effetti benefici della pennichella potrebbero andare persi.

Quali sono i possibili effetti benefici della pennichella pomeridiana?

I possibili effetti benefici della pennichella sono tantissimi. Vediamo quali sono i consigli degli esperti per potere beneficiare al meglio degli effetti del riposino pomeridiano:

  • dal momento che riposare dopo pranzo può dare energia e forza al nostro organismo, al cervello e allo spirito è necessario che non vengano sottovalutati alcuni aspetti importanti. Ad esempio, è essenziale non iniziare la pennichella dopo le 15.00;
  • bisogna distanziare in modo corretto il sonno principale dal riposino pomeridiano, altrimenti potresti compromettere il tuo riposo notturno;
  • se mangiare tardi non è proprio salutare, è invece consigliato concedersi una pennichella dal primo momento utile: mangiare prima delle 13.00 e riposare prima delle 14.00;
  • non utilizzare il letto per la pennichella, un divano o una poltrona possono andare più che bene.

Se non ti senti abbastanza comodo puoi utilizzare dei trucchetti, come appoggiare una mascherina sugli occhi per non farti infastidire dalla luce, togliere le scarpe e allentare gli abiti più stretti per non fare ritardare il tuo sonno.

Il letto potrebbe trasformare il tuo riposino pomeridiano in un sonno profondo, andando a compromettere il tuo riposo notturno e la tua digestione. Una soluzione potrebbe essere il riposo “semisdraiato” che potrà migliorare la tua digestione e non ti farà cadere in un sonno troppo profondo, facilitando anche il tuo risveglio.

Come ti ha fatto sentire?

Eccitato
0
Felice
0
Innamorato
0
Incerto
0
Sciocco
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *