Notizie

Calcolo canone concordato excel: come si fa e come impostare il file

Per canone concordato si intende un tipo di contratto su cui è fissato un prezzo massimo di vendita o una tariffa, di cui la soglia non può essere superata. Devono essere presenti due parti, in modo da stipulare un contratto, definendone il canone e la durata, pur sempre ricordando di rispettare altri limiti contrattuali esterni.

Il canone concordato, tuttavia, si differenzia dal canone libero perché, in quest’ultimo, il bene che la persona dà in locazione ad un destinatario ( chiamato conduttore ), viene concordato liberamente da entrambe le parti attraverso un contratto. Solitamente il canone concordato è molto utilizzato tra gli universitari per contratti ad uso abitativo e provvisorio, dato che le abitazioni private vengono date in locazione a persone esterne, pur sempre evitando il lucro, quindi a vantaggio economico da parte di terzi.

Spesso, se si parla di canone concordato, si intendono anche le abitazioni in affitto con la durata di contratto obbligatoria valida per tre anni e più due di rinnovo. Un altro tipo di contratto, per ragazzi universitari, può durare dai sei mesi ai tre anni; oppure varia da un mese, a diciotto mesi per i contratti transitori, che sono un tipo di contratto per esigenze temporanee, con durata limitata.

Come funziona la proroga del canone concordato? La proroga del contratto a canone concordato è di solitamente due anni, tuttavia, in caso ci si dimenticasse di disdire il contratto, il prolungamento dello stesso sarà rinnovato in automatico per un ulteriore biennio.
Conviene realmente il canone concordato? Dipende dalla misura del canone ma, in generale, il contratto è solitamente più basso del normale nel mercato. Quindi sì, conviene; tuttavia sempre ricordando le esigenze della persona stessa. D’altra parte, anche il locatore è molto avvantaggiato: può scegliere il regime di tassazione, tra cui il regime ordinario IRPEF e la cedolare secca.
Cos’è il regime ordinario IRPEF? Conviene? Il regime ordinario IRPEF prevede un incremento della percentuale se l’immobile si trova in una zona altamente abitata. Oltre alla normale riduzione del reddito del 15%, si avrà un’ulteriore 30% in meno nella somma totale a vantaggio del locatore.
Cos’è, invece, la cedolare secca? La cedolare secca prevede una tassazione forfettaria di un’altiquota ( se si divide una certa quota ), tuttavia fissa e agevolata. Inoltre, la cedolare secca annulla i costi dell’imposta del bollo, delle addizionali e della quota di registrazione del contratto. Infine, con questo tipo di contratto a canone concordato, gli immobili avranno un costo di aliquota minore.

Cosa si intende quando si parla di calcolo del canone concordato excel?

Per calcolo del canone concordato excel si intende, come già detto, un contratto in cui il canone non viene deciso liberamente come negli altri contratti, ma attraverso altri fattori, tra cui:

  • verifica della zona dell’immobile;
  • calcolo dei metri della superficie interna;
  • determinazione della fascia;
  • prezzo al metro mq.

Cos’è la verifica della zona dell’immobile? Molto semplicemente, si tratta di specificare in quale zona si trova l’abitazione.
Cosa va preso in considerazione nella superficie interna? I muri perimetrali e interni, senza tener conto dei balconi e terrazzi.
E nella determinazione della fascia? Si assegnano dei punti in più a ogni oggetto nell’immobile e si calcola il punteggio finale. Più alto sarà il numero e più alta sarà la fascia.
Come si conosce il prezzo dell’immobile al metro mq? Prima di tutto è necessario prendere una copia della tabella dei prezzi e verificare il risultato al metro mq già conosciuto dell’abitazione. In aggiunta, se l’immobile si presenta già arredato, è necessario aggiungere una percentuale che varia da Comune a Comune.
Cos’è, però, il calcolo a canone concordato excel? A tal proposito, excel è un software ( come Word e Power Point, per esempio ), sviluppato da Microsoft Corporation, una delle più importanti aziende informatiche americane. Excel permette di creare fogli elettronici, producendo rappresentazioni grafiche, elaborare dati ed effettuare calcoli. Il foglio aperto apparirà con una serie di celle, in cui sarà possibile lavorare. In conclusione, per creare il calcolo a canone concordato excel, è necessario scaricare un’applicazione ( come Microsoft Office, Excel 2016 o il software Calc di Open Office, anche se potrebbe dare più problemi di compatibilità ) in modo da permettere di utilizzare fogli di calcolo Excel; successivamente si dovrà aprirlo e creare una tabella, aggiungendo il necessario. Come? Inserendo tutti i dati sotto le colonne:

  • Prodotto.
  • Numero Colli
  • Costo Unitario del prodotto
  • Costo Totale e Parziale del costo totale del prodotto sostenuto

Solamente dopo aver inserito tutti i dati, a fine tabella sarà possibile visualizzare il totale. Per iniziare sarà importante selezionare e cliccare una di queste quattro etichette, cioè i nomi scritti in ogni tabella: Prodotto, Numero Colli, Costo Unitario e Costo Totale e Parziale; successivamente bisognerà inserire la parola che si desidera scrivere.

Come ti ha fatto sentire?

Eccitato
0
Felice
0
Innamorato
0
Incerto
0
Sciocco
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in:Notizie